27

Jul
2017

L’ISOLA DI BERGEGGI

Posted By : administrator/ 366 0

BERGEGGI E L’AREA MARINA PROTETTA (AMP)

Il borgo storico di Bergeggi è situato a circa 110 m di altitudine, alle pendici del monte Sant’Elena (347 m s.l.m.), dove viottoli permettono di scendere verso la passeggiata a mare e quindi il litorale.

Il territorio comunale è costituito, oltre il capoluogo, dalla più moderna e turistica frazione di Torre del Mare, creata tra gli anni ’50 e ‘60, costituita per la maggior parte da complessi abitativi, ville e condomini ad uso seconda casa e vacanziero.

( www.ilgolfodell’isola.it ) L’Isola di Bergeggi, cuore dell’Area Marina Protetta, definita dai romani “antica insula liguriae” è un piccolo cono di roccia calcarea ricoperto da macchia mediterranea, che dista dalla costa solo 250 metri. Sull’isola si trovano i resti di una massiccia torre circolare di epoca romana, probabilmente un faro o un avamposto di segnalazione a servizio del porto di “Vada Sabatia”.

In epoca medioevale, sulle basi di questa torre, ne è stata costruita un’altra quadrata che sembra aver fatto parte di un complesso sistema difensivo a protezione di questo tratto di mare. Secondo una leggenda Sant’Eugenio, vescovo di Cartagine, si sarebbe rifugiato sull’isola nell’Alto Medioevo. Le sue spoglie sarebbero state ospitate nella chiesa paleocristiana del V-VI secolo, di cui rimangono tracce sul versante nord-orientale. Anche il monastero a due absidi, fatto costruire nel 992 dal Vescovo di Savona, sul versante occidentale, e diretto dai Monaci delle Isole di Lérins fino al 1346, fu eretto in venerazione di Sant’Eugenio.

I fondali marini, l’area costiera delle falesie ricche di grotte e piccole insenature: ecco l’Area Marina Protetta “Isola di Bergeggi”, uno scrigno di biodiversità, storia e leggenda.
Questo luogo è qualcosa di unico che si può apprezzare in qualsiasi giorno dell’anno, fruibile da parte di tutti, percorrendo a piedi la Riserva Naturale Regionale o, ancora meglio, dal mare.

Qui oltre alla vista subentra l’olfatto: non solo i profumi della straordinaria macchia mediterranea, che sgomita in ogni più piccolo punto di roccia con le sue essenze, i suoi fiori e suoi arbusti, ma anche quello del Mediterraneo, inebriante. E poi c’è ancora un senso, l’udito: ovunque si sentono i richiami dei gabbiani, portati dal vento, e la risacca delle onde sulla scogliera.

E allora il pensiero va alla storia di questo luogo, alle imbarcazioni che l’hanno costeggiata o avvicinata, dalle antiche navi romane che ne seguivano le luci del faro prima di entrare nel porto di Vada Sabatia, ai leudi che solcavano la costa in lungo e in largo per pescare o trasportare merci e materiali, fino alla grande sagoma del Transylvania e agli eventi tragici della storia che si mischiano ai luoghi.

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con D.M. del 7 maggio 2007, ha istituito l’Area Marina Protetta Isola di Bergeggi che comprende, oltre ai fondali circostanti, anche l’area costiera delle falesie di Punta del Maiolo, Punta Predani e Punta delle Grotte, prolungando in mare i confini a terra della Riserva Naturale Regionale (L.R. 10/85). La sua superficie, compresa interamente nel Comune di Bergeggi, ricopre 2,1503 Kmq (215 ha) estendendosi dalla fascia costiera fino ai fondali dell’isola.

L’area marina protetta è suddivisa in zone sottoposte a diverso regime di tutela ambientale, tenendo conto delle caratteristiche ambientali e della situazione socio-economica del territorio interessato. La gestione dell’Area Marina Protetta è stata affidata al Comune di Bergeggi a cui spetta il compito di tutelare e valorizzare l’ambiente marino, di promuovere l’educazione ambientale e la ricerca scientifica, di valorizzare le attività produttive tradizionali e forme di turismo ecocompatibile.

I fondali di Bergeggi vantano un notevole interesse, sia dal punto di vista geologico, sia da quello biologico. Attorno all’isola, i gradienti batimetrici e le diverse esposizioni del substrato, uniti alla natura geologica di quest’ultimo, favoriscono l’instaurarsi di numerose e diversificate associazioni biologiche come scogliere a Coralligeno e Praterie di Posidonia oceanica.

Per quanto riguarda la fauna marina, le zone più interessanti sono quelle attorno all’isola, in particolare quelle rivolte verso il mare aperto, dove i substrati rocciosi raggiungono profondità maggiori e il pesce abbonda. Anche nelle zone sotto costa, già in pochi metri di profondità, è facile fare interessanti incontri con cernie e murene, osservare i polpi nelle loro tane e, con un po’ di fortuna, imbattersi nei cavallucci marini.

Leave your comment

Please enter comment.
Please enter your name.
Please enter your email address.
Please enter a valid email address.